Master in Dietetica e Nutrizione

Immagine master in nutrizione

Al giorno d’oggi l’alimentazione rappresenta uno degli indicatori primari adatto per individuare il livello di benessere individuale e/o familiare. L’alimentazione, infatti, è uno di quei fattori che maggiormente condiziona la produttività, il rendimento e lo sviluppo delle persone e quindi rappresenta uno di quei fattori che influisce maggiormente sulla qualità di vita e sulle condizioni psico-fisiche degli individui. La condotta alimentare è una delle informazioni attraverso la quale si può condurre una valutazione in grado di racchiudere molteplici aspetti per giungere, infine, ad una diagnosi che sappia comprendere sia gli aspetti medici che psicologici. Il binomio imprescindibile tra “alimentazione e buona salute” sottolinea in maniera ancora più evidente l’importanza di questi due concetti, i quali non devono rimanere concetti astratti, ma devono essere tradotti quotidianamente in una vera e propria pratica. Non a caso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) fa rientrare la salute e l’adeguata alimentazione nei diritti umani fondamentali. Tuttavia, in Italia non è ancora presente una cultura del benessere e della sana alimentazione e bisogna inoltre considerare che le terapie farmacologiche sono sempre più le uniche risposte ai problemi riguardanti la salute. Tutto ciò fa emergere in maniera sempre più concreta la necessità di potersi affidare a professionisti che siano adeguatamente qualificati nel campo della nutrizione ed esperti nella prevenzione e nella cura dei cosiddetti “errori alimentari”.
In questa ottica il Master in Dietetica e Nutrizione offre un approccio di ampio spettro relativo al complesso mondo dell’alimentazione senza sottovalutare i disturbi e le patologie che inevitabilmente lo caratterizzano. Il corso di formazione si propone di trasmettere le conoscenze adeguate per essere in grado di prevenire e intervenire riconoscendo quei fattori di rischio spesso segnali d’allarme di comportamenti alimentari e stili di vita scorretti. I candidati saranno capaci, attraverso le tecniche e le conoscenze acquisite, di individuare la problematica del paziente e, in seguito, anche di pianificare la terapia nutrizionale che risulti la più adeguata possibile. Di conseguenza, durante lo svolgimento del programma didattico, assumeranno centralità particolare gli argomenti e le conoscenze specifiche riguardanti la dietetica in generale e quella applicata alle condizioni patologiche, senza trascurare l’acquisizione di competenze rispetto alla psicologia del comportamento alimentare. Saranno oggetto, invece, di approfondimento i principi di Fitoterapia e Nutracetica considerati terapie coadiuvanti nella dietetica. Infine, viene offerta formazione sulle novità scientifiche nel campo della diagnostica e delle terapie nutrizionali.

DESTINATARI
Il Master si rivolge ai possessori di laurea e laurea magistrale conseguita in una delle seguenti classi ex D.M. 270/2004: L-2 Biotecnologie; L-13 Scienze biologiche; L-22 Scienze delle attività motorie e sportive; L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali; L-26 Scienze e tecnologie agro-alimentari; L-27 Scienze e tecnologie chimiche; L-29 Scienze e tecnologie farmaceutiche; L-32 Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura; LM-6 Biologia; LM-7 Biotecnologie agrarie; LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche; LM-13 Farmacia e farmacia industriale; LM-41 Medicina e chirurgia; LM-42 Medicina veterinaria; LM-54 Scienze chimiche; LM-61 Scienze della nutrizione umana; LM-67 Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattive; LM-68 Scienze e tecniche dello sport; LM-69 Scienze e tecnologie agrarie; LM-70 Scienze e tecnologie alimentari; L/SNT1 – Professioni sanitarie infermieristiche e Professione sanitaria ostetrica/o; L/SNT2 – Professioni sanitarie della riabilitazione; L/SNT3 – Professioni sanitarie e tecniche; L/SNT4 – Professioni sanitarie della prevenzione; LM/SNT1-Scienze infermieristiche ed ostetriche; LM/SNT2-Scienze riabilitative delle professioni sanitarie; LM/SNT3-Scienze delle professioni sanitarie tecniche; LM/SNT4-Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione. Potranno essere ammessi anche laureati e laureati magistrali in altre discipline previa valutazione.

DURATA E FREQUENZA
Il percorso prevedere una durata di ore 900 articolate nella seguente maniera :
• 400 ore di aula,
• 140 ore di Project Work
• 360 ore di stage in azienda.

La frequenza minima al percorso è pari all’80% del monte ore complessivo.

NUMERO ALLIEVI : Massimo 35 allievi
DURATA DEL MASTER: ore complessive 900
• PRESENTAZIONE DOMANDE DI AMMISSIONE: dal
• SELEZIONE: da attivarsi al superamento di n. 35 iscritti

SELEZIONE
Il Master è a numero chiuso e prevede un processo di selezione proiettato a valutare le competenze tecniche acquisite durante gli studi, le attitudini individuali e la motivazione dei candidati.
Verrà istituita una Commissione, composta da esperti individuati dai partner di progetto che definiranno i dettagli della selezione che prevede lo screening dei requisiti preferenziali, test attitudinali e colloqui.
La selezione si articolerà in tre fasi.

TEST QUESTIONARIO TECNICO (max 30 punti)
È test finalizzato ad approfondire le conoscenze possedute dai candidati in coerenza con la figura professionale oggetto della formazione. Sarà un test a risposte chiuse. Ad ogni quesito risolto verrà assegnato un punto fino alla soglia massima di 30 punti. I risultati vengono prima decodificati sul foglio di calcolo e in seguito interpretati e valutati sul foglio del profilo individuale;

STRUMENTI D’INDAGINE DELLA PERSONALITA’ (max 30 punti)
Si tratta di strumenti che tendono a verificare caratteristiche e/o aspetti della personalità per individuare tratti personologici che possono agevolare o ostacolare il buon esito del percorso;

COLLOQUIO (max 40 pt)
Sarà svolto a livello individuale e sarà a completamento degli altri strumenti utilizzati e avrà lo scopo di verificare la motivazione e dei candidati rispetto alle aree di approfondimento ed anche all’impegno in termini di tempo e di applicazione alla frequenza. Il colloquio svolge anche una funzione informativa; consente cioè uno scambio di informazioni tra l’ente di formazione e il candidato affinché per entrambi si raggiunga la soluzione migliore.
Al termine della selezione verrà strutturata una graduatoria che permetterà di comporre il gruppo aula.

I MODULI DI STUDIO

Modulo 1. La diagnostica nutrizionale
• Le conoscenze basilari della diagnostica nutrizionale: analisi degli alimenti e del loro valore nutrizionale (i gruppi alimentari, i nutrienti, macronutrienti e i micronutrienti, alimenti funzionali ecc..);
• Le tecniche di valutazione rispetto ai consumi e alle condotte alimentari;
• L’utilizzo di metodi e tecniche finalizzate alla valutazione della composizione corporea;
• Test immunologici e funzionali;
• Presentazione e discussione di possibili casi clinici.

Modulo 2. La dietoterapia di collettività e i servizi di nutrizione annessi
• Il ruolo e le competenze che caratterizzano la figura dell’esperto in nutrizione;
• Creazione della dieta: scelta degli alimenti e suddivisione dei pasti;
• I lipidi nella dieta: luoghi comuni, osservazioni e riflessioni;
• Le tabelle dietetiche elaborate per la collettività;
• Impostazione di uno schema dietetico nell’adulto sano: diete a confronto (dieta zona, chetogenica, mima digiuno ecc..);
• Impostazione dello schema dietetico in determinate condizioni fisiologiche (gravidanza e allattamento, menopausa e anziano;
• Approccio dietetico in pediatria e nell’età evolutiva (LARN e misure antropometriche in età pediatrica, divezzamento, obesità infantile, diabete infantile ecc..).

Modulo 3. La sorveglianza nutrizionale e la terapia medico nutrizionale
• Le abitudini alimentari e i differenti stili di vita;
• La valutazione dello stato nutrizionale e dei parametri bioumorali;
• Le basi teoriche della dietologia e della dietoterapia;
• I segnali d’allarme: la capacità di riconoscere in tempo i fattori di rischio, approfondimento e analisi delle malattie cronico degenerative;
• Le principali patologie connesse all’alimentazione e i relativi approcci nutrizionali;
• Valutazione delle malattie metaboliche (sindrome metabolica, obesità, diabete, patologie dell’apparato cardiovascolare ecc.);
• Approfondimento rispetto patologie dell’apparato gastrointestinale (patologie dell’esofago dello stomaco, e dell’intestino, la dieta nella celiachia e nelle malattie infiammatorie croniche intestinale);
• Studio delle patologie del fegato e delle vie biliari;
• Analisi relativa alle malattie del pancreas e del rene;
• La terapia medico nutrizionale: obiettivi e risultati;
• Pianificazione dei protocolli da attuare e analisi e rielaborazione dei dati raccolti;
• I vari tipi di approcci dietetici associabili a seconda delle condizioni patologiche;
• Basi e fondamenti di nutrizione artificiale;
• Analisi e discussione partecipata su possibili casi clinici.

Modulo 4. PNEI (Sistema Psico-Neuro-Endocrino-immunitario) in nutrizione.

Modulo 5. L’educazione alimentare
• Il fabbisogno alimentare e alimentare: i livelli di assunzione raccomandati;
• L’assunzione di nutrienti e gli errori quantitativi e qualitativi: dieta iperproteica, iperlidica, ipoglicidica;
• Le piramidi americane, la piramide mediterranea e la piramide alimentare italiana;
• Accoglimento della domanda e analisi centrata sui relativi bisogni;
• Pianificazione di interventi ad hoc a seconda del caso;
• Metodi e tecniche di approccio/comunicazione al paziente: le varie strategie di comunicazione (approfondimento specifico della tecnica del counseling).

Modulo 6. Alimentazione sportiva
• L’attività fisica: le regole, i benefici, gli adattamenti metabolici all’esercizio fisico, possibili rischi/danni;
• Prescrizione dell’attività motorio-sportiva: attività agonistica e attività amatoriale con relativi programmi;
• Alimentazione e performance: indicazioni utili, il percorso che conduce al risultato;
• L’alimentazione integrata: analisi, funzioni e le diverse interpretazioni sugli integratori;

Modulo 7. Nutrizione vegetariana
• Le tabelle di tabelle di composizione degli alimenti e i cibi nell’alimentazione vegetariana;
• Necessità nutrizionali dell’organismo umano per valutare in seguito:
– la nutrizione vegetariana in condizioni fisiologiche
– la nutrizione vegetariana in situazioni patologiche di grande rilevanza.

Modulo 8. Elementi di farmacologia
• Terapia farmacologica e alimentazione: opportunità e rischi;
• Farmaci e i loro tre livelli d’azione: farmaceutica, farmacocinetica e farmacodinamica;
• Le interazioni tra farmaci e nutrienti con conseguente analisi dei meccanismi delle interazioni;
• Metabolismo e interazioni farmacocinetiche;
• Interazioni tra farmaci e stato di nutrizione: Analisi dei farmaci che provocano la riduzione di appetito, l’alterazione del gusto, l’alterazione di appetito e farmaci in grado di ridurre l’assorbimento di minerali e/o vitamine;
• Interazioni tra farmaci stato di nutrizione: Il rapporto con i pasti.

Modulo 9. Principi di Nutraceutica
• Definizione e principi di Nutraceutica: riferimenti alla legislazione italiana ed europea;
• Alimenti funzionali, prebiotici e probiotici;
• La nutraceutica applicata a patologie spontanee o indotte;
• Ruolo dei nutraceuti su intestino-fegato e intestino-cervello;
• il microbiota intestinale e la sua importanza.

Modulo 10. Principi di Fitoterapia
• Definizione e principi di Fitoterapia;
• Cenni storici;
• Necessità di una nuova evoluzione e di nuove regole: legislazione italiana ed europea;
• La Fitoterapia tradizionale Mediterranea (umorale);
• La Fitoterapia tradizionale Cinese;
• La Fitoterapia Indiana e Tibetana;
• La Fitoterapia Energetica Costituzionale;
• L’importanza del fitocomplesso;
• La Fitoterapia: un’arte medica e non una scienza esatta;
• Titolazione dei principi attivi e forme di somministrazione;
• Le interazioni tra farmaci ed erbe.

Modulo 11. Nutrizione e psicologia
• La psicologia del comportamento alimentare;
• Un nuovo approccio: la Psico-nutrizione;
• I disturbi del comportamento alimentare: anoressia, bulimia, binge eating desorder (B.E.D.), ortoressia, nes (o ned), vigoressia/bigoressia, obesità, iperfagia, diabulimia;
• Progetto di sostegno psicologico: Test TA S-20, lavoro sulle immagini corporee, l’auto-monitoraggio rispetto al peso e all’assunzione di cibo, analisi delle cognizioni disfunzionali rispetto al controllo alimentare e all’attività fisica, la consapevolezza emotiva, i pensieri automatici, le tecniche di auto rinforzo e tecniche di controllo degli stimoli e ,infine, aumento della consapevolezza dei segnali biologici di fame e sazietà.

METODOLOGIA DIDATTICA
Il percorso formativo è strutturato in 400 ore di lezioni frontali ripartite in 6-8 ore di docenza giornaliera. Gli argomenti trattati sono suddivisi in 11 moduli didattici ognuno dei quali è strutturato in modo da comprende esercitazioni e verifiche di apprendimento. Particolare attenzione sarà dedicata alla costruzione di casi studio, alla conseguente discussione partecipata e al role playing. Sono previstivi inoltre incontri con professionisti del settore e seminari di approfondimento relativi agli argomenti centrali del corso. Questa metodologia didattica così progettata si pone l’obiettivo di unire i concetti di natura teorica con quelli pratici, i quali completano la loro realizzazione attraverso l’outdoor training e il project work. Infine, iniziative come il coaching individuale e di gruppo vengono progettate con lo scopo di sostenere e consolidare quelle che sono le competenze individuali e superare le eventuali criticità che si possono presentare durante lo svolgimento del percorso formativo.

La fase pratica prevede i seguenti moduli:

Modulo 12 – Stage
Lo stage (o tirocinio formativo) è un periodo di formazione “sul campo” attraverso il quale viene data ai corsisti la possibilità di alternare allo studio momenti di lavoro e di entrare nel “vivo” della realtà e delle attività proprie dell’azienda ospitante. Lo scopo è quello di consolidare le conoscenze previste nel percorso formativo e acquisire una specifica professionalità coniugando gli aspetti di natura teorica con quelli di natura pratica. Le ore previste per questa fase sono 360 (5 mesi c.ca) e l’intero svolgimento viene definito e strutturato tendendo conto in primis delle attitudini e delle esigenze di ciascun partecipante e, in seguito, delle disponibilità dei partner e delle aziende. Lo stage è quindi uno strumento didattico di fondamentale importanza in grado di agevolare e consolidare le scelte professionali attraverso la conoscenza diretta del mondo del lavoro. Proprio per l’importanza ricoperta da questa fase, saranno previste le figure del tutor aziendale e del tutor didattico – organizzativo con lo scopo di guidare e sostenere il corsista nell’analisi della propria preparazione tecnica e del proprio comportamento organizzativo e relazionale attraverso colloqui periodici. Grazie a questa metodologia il corsista sarà in grado di individuare e superare eventuali limiti e criticità che si possono verificare durante il percorso formativo e, quindi, di potenziare le proprie competenze tecnico-professionali.

Modulo 13- Project Work e prova finale
Il Project Work spesso si colloca alla fine di un processo formativo, ha una durata di 150 ore e rappresenta una sperimentazione attiva riferita ai contenuti appresi durante il percorso didattico. In questa fase, infatti, i partecipanti dovranno scegliere un argomento oggetto del corso, approfondirlo e redigere una tesina che sarà presentata e discussa durante la prova finale.

I NOSTRI DOCENTI
Gli interventi di docenza saranno condotti da professionisti, da consulenti specializzati e da docenti universitari.

SBOCCHI LAVORATIVI
Il percorso formativo è finalizzato alla formazione di figure professionali adeguatamente formate e con un aggiornamento competitivo in grado di potersi inserire presso strutture pubbliche e private che si occupano di alimentazione e nutrizione. Non sono esclusi i negozi con attività specializzate in prodotti dietetici.

CERTIFICAZIONI
Ai partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni, sarà rilasciato un attestato di frequenza/partecipazione al Master in “Dietetica e Nutrizione”. Inoltre, saranno rilasciate una certificazione Eipass e una certificazione linguistica.

ACCREDITAMENTI
IFOR, Ente accreditato dalla Regione Basilicata con D.G.R. n. 2587/2002; D.G.R. N. 574/2010 e D.D. n. 1241/2010, per la formazione, Formazione continua e Formazione superiore; L’IFOR è accreditato ai sensi Direttiva n. 90/2003 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per formazione del personale della scuola. L’IFOR ha conseguito le certificazioni di qualità ISO 9001:2008 e UNI ISO 29990:2011 per l’erogazione dei corsi di formazione, rilasciate da un’ Organismo di Certificazione Internazionale accreditato UKAS e ACS Registrars.

SCARICA LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo Cognome (richiesto)

Indirizzo (richiesto)

Città (richiesto)

La tua email (richiesto)

Curriculum(richiesto)

INFORMAZIONI E CONTATTI
Rivolgersi alla Segreteria Master dell’Ifor: 0835/334809 – Cell. 347/3964719 o inviando una email all’indirizzo iformt@gmail.com o recandosi presso la sede in via P. Vena 66/C Matera – dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 18.30.

aprile 11, 2018