Master in BIM: LE SFIDE DELLA DIGITALIZZAZIONE E L’INTEROPERABILITA’

Immagine master bim

Il 1dicembre 2017 il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha firmato il decreto sul BIM (Building Information Modeling). Il D. Lgs 18 aprile 2016 n. 50 (Nuovo Codice Appalti) prevede che le stazioni appaltanti utilizzino piattaforme interoperabili definendo anche l’utilizzo dei dati e delle informazioni prodotte relative alla costruzione e alla gestione dell’intervento. È prevista, inoltre, l’introduzione progressiva di modelli di gestione digitale delle informazioni nei processi di costruzione di edifici ed opere di ingegneria civile.
L’obiettivo di questa innovazione è quello di aumentare la qualità dei progetti e delle opere impiegando maggiori risorse nell’attività progettuale con la conseguente riduzione degli errori di processo e della spesa pubblica e l’aumento della qualità dei progetti.
Rappresentando le sfide della digitalizzazione e concretizzandosi in un innovativo modus operandi in grado di coinvolgere tutti i professionisti che operano del campo dell’edilizia, il Bim rappresenta uno strumento in grado di coinvolgere non solo i professionisti che si occupano della progettazione, ma anche quelli che curano la costruzione e la gestione del cantiere. Pertanto, la futura progettazione riconoscerà i suoi principi cardine nella multidimensionalità e nell’interoperabilità..
Il programma formativo progettato è finalizzato al supporto della crescita professionale ponendosi come obiettivo quello di fornire ai partecipanti competenze di progettualità collaborativa mostrando gli aspetti applicativi e le nuove tecnologie utilizzate nella progettazione degli edifici, con particolare riferimento agli ambiti che interessano la progettazione e l’esecuzione del prodotto edilizio.

DESTINATARI
Al Master sono ammessi tutti coloro in possesso di Laurea in:
– Architettura;
– Ingegneria edile:
– Ingegneria civile;
– Ingegneria ambientale.
Sono ammessi anche gli strutturisti e i componenti degli uffici tecnici in generale.
Il Master si rivolge quindi a tutti i professionisti che si occupano di progettazione, costruzione, manutenzione e gestione del cantiere.

DURATA E FREQUENZA
Il percorso prevede una durata di ore 900 articolate nella seguente maniera :

400 ore di aula,
140 ore di Project Work
360 ore di stage in azienda

La frequenza minima al percorso è pari all’80% del monte ore complessivo.

NUMERO ALLIEVI: Massimo 20 allievi
DURATA DEL MASTER: ore complessive 900
PRESENTAZIONE DOMANDE DI AMMISSIONE: entro il 26 maggio 2018

VOUCHER E BORSE DI STUDIO: Le spese di iscrizione e frequenza al Master sono interamente coperte e finanziate dai Voucher regionali per i Laureati residenti in Basilicata, disoccupati o inoccupati. Inoltre è previsto un contributo forfettario per il rimborso viaggi

Ai primi 15 iscritti sarà destinata una borsa di studio dal valore di 1.000 €

SELEZIONE
Il Master è a numero chiuso e prevede un processo di selezione proiettato a valutare le competenze tecniche acquisite durante gli studi, le attitudini individuali e la motivazione dei candidati.
Verrà istituita una Commissione, composta da esperti individuati dai partner di progetto che definiranno i dettagli della selezione che prevede lo screening dei requisiti preferenziali, test attitudinali e colloqui.

La selezione si articolerà in tre fasi.

TEST QUESTIONARIO TECNICO (max 30 punti)
È test finalizzato ad approfondire le conoscenze possedute dai candidati in coerenza con la figura professionale oggetto della formazione. Sarà un test a risposte chiuse. Ad ogni quesito risolto verrà assegnato un punto fino alla soglia massima di 30 punti. I risultati vengono prima decodificati sul foglio di calcolo e in seguito interpretati e valutati sul foglio del profilo individuale;

STRUMENTI D’INDAGINE DELLA PERSONALITA’ (max 30 punti)
Si tratta di strumenti che tendono a verificare caratteristiche e/o aspetti della personalità per individuare tratti personologici che possono agevolare o ostacolare il buon esito del percorso;

COLLOQUIO (max 40 pt)
Sarà svolto a livello individuale e sarà a completamento degli altri strumenti utilizzati e avrà lo scopo di verificare la motivazione e dei candidati rispetto alle aree di approfondimento ed anche all’impegno in termini di tempo e di applicazione alla frequenza. Il colloquio svolge anche una funzione informativa; consente cioè uno scambio di informazioni tra l’ente di formazione e il candidato affinché per entrambi si raggiunga la soluzione migliore.
Al termine della selezione verrà strutturata una graduatoria che consentirà di creare il gruppo d’aula.

PERCORSO FORMATIVO
Il Master è strutturato in 7 moduli formativi suddivisi in 6-8 ore di docenza giornaliera. Al fine di verificare il grado di apprendimento dei partecipanti sono previste, durante lo svolgimento del Master, delle prove in itinere in corrispondenza della conclusione di ciascun modulo didattico e una prova finale.
Il percorso formativo prevede i seguenti moduli didattici:

Modulo 1. Introduzione alla metodologia BIM e riferimenti normativi;

Modulo 2. ArchiCAD e BIM;

Modulo 3. Concetti preliminari e analisi dell’interfaccia grafica;

Modulo 4. Gli strumenti di modellazione;

Modulo 5. L’analisi degli spazi e il relativo dimensionamento;

Modulo 6. Creazione e gestione di famiglie impiantistiche;

Modulo 7. Documentazione e stampa di un progetto;

METODOLOGIA DIDATTICA
Il percorso formativo è strutturato in 400 ore di lezioni frontali ripartite in 6-8 ore di docenza giornaliera. Gli argomenti trattati sono suddivisi in 7 moduli didattici ognuno dei quali è strutturato in modo da comprende esercitazioni e verifiche di apprendimento. Inoltre, sono previsti incontri con professionisti del settore e seminari di approfondimento relativi agli argomenti centrali del corso. Questa metodologia didattica così progettata si pone l’obiettivo di unire i concetti di natura teorica con quelli pratici, i quali completano la loro realizzazione attraverso l’outdoor training e il project work. Infine, iniziative come il coaching individuale e di gruppo vengono progettate con lo scopo di sostenere e consolidare quelle che sono le competenze individuali e superare le eventuali criticità che si possono presentare durante lo svolgimento del percorso formativo.

La fase pratica prevede i seguenti moduli:

Modulo 7: Stage 360 ore (3 mesi c.ca)
Lo stage (o tirocinio formativo) è un periodo di formazione “sul campo” attraverso il quale viene data ai corsisti la possibilità di alternare allo studio momenti di lavoro e di entrare nel “vivo” della realtà e delle attività proprie dell’azienda ospitante. Lo scopo è quello di consolidare le conoscenze previste nel percorso formativo e acquisire una specifica professionalità coniugando gli aspetti di natura teorica con quelli di natura pratica. Le ore previste per questa fase sono 360 (3 mesi c.ca) e l’intero svolgimento viene definito e strutturato tendendo conto in primis delle attitudini e delle esigenze di ciascun partecipante e, in seguito, delle disponibilità dei partner e delle aziende. Lo stage è quindi uno strumento didattico di fondamentale importanza in grado di agevolare e consolidare le scelte professionali attraverso la conoscenza diretta del mondo del lavoro. Proprio per l’importanza ricoperta da questa fase, saranno previste le figure del tutor aziendale e del tutor didattico – organizzativo con lo scopo di guidare e sostenere il corsista nell’analisi della propria preparazione tecnica e del proprio comportamento organizzativo e relazionale attraverso colloqui periodici. Grazie a questa metodologia il corsista sarà in grado di individuare e superare eventuali limiti e criticità che si possono verificare durante il percorso formativo e, quindi, di potenziare le proprie competenze tecnico-professionali.

Modulo 8: Project Work e prova finale 140 ore
Il Project Work spesso si colloca alla fine di un processo formativo e rappresenta una sperimentazione attiva riferita ai contenuti appresi durante il percorso didattico. In questa fase i partecipanti dovranno scegliere un argomento oggetto del corso, approfondirlo e redigere una tesina che sarà presentata e discussa durante la prova finale.

SBOCCHI LAVORATIVI
Coloro che conseguono il Master potranno trovare la loro naturale occupazione presso le imprese di costruzione e produzione di tecnologie per l’edilizia, negli studi di progettazione di ingegneria e architettura.

CERTIFICAZIONI
Ai partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni, sarà rilasciato un Diploma di Master in “BIM: le sfide della digitalizzazione e l’interoperabilità”. Inoltre, saranno rilasciate una certificazione Eipass e una certificazione linguistica, previo superamento esame.

PLACEMENT
L’attività di Placement è uno strumento altamente qualificato di gestione del percorso professionale che, tramite precise metodologie (informazione, consulenza orientativa, accompagnamento e counseling d’orientamento), accompagna i corsisti nell’attività di autovalutazione e qualificazione, favorendo significativamente l’inserimento professionale. Il servizio di Placement rientra tra i servizi offerti a supporto dei corsisti, offre ai corsisti la possibilità di coniugare il percorso di studi effettuato con le richieste provenienti dal mercato del lavoro locale, nazionale ed internazionale, attraverso la segnalazione di offerte di lavoro, grazie ad un rapporto quotidiano, costante e sistematico con le realtà occupazionali/aziendali presenti sul territorio.

CORPO DOCENTE E TUTOR
Gli interventi di docenza saranno condotti da professionisti, da consulenti specializzati e da docenti universitari.

ACCREDITAMENTI
IFOR, Ente accreditato dalla Regione Basilicata con D.G.R. n. 2587/2002; D.G.R. N. 574/2010 e D.D. n. 1241/2010, per la formazione, Formazione continua e Formazione superiore; L’IFOR è accreditato ai sensi Direttiva n. 90/2003 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per formazione del personale della scuola. L’IFOR ha conseguito le certificazioni di qualità ISO 9001:2008 e UNI ISO 29990:2011 per l’erogazione dei corsi di formazione, rilasciate da un Organismo di Certificazione Internazionale accreditato UKAS e ACS Registrars.

pdf   SCARICA LA DOMANDA DI AMMISSIONE

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono:

Inserisci il Master:

Il tuo messaggio

INFORMAZIONI E CONTATTI
Rivolgersi alla Segreteria Master dell’Ifor: 0835/335782 – Cell. 347-3964716 o inviando una e-mail all’indirizzo iformt@gmail.com o recandosi presso la sede in Via Dante 82/G – Matera – dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 18.30.

aprile 28, 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *