Master in “Agrifood business project management”

Immagine master agrifood

A livello europeo e internazionale la ricerca agricola è al centro di un fermento e di un’attenzione che non si erano visti per decenni, trainata dall’esigenza di rispondere ai crescenti fabbisogni alimentari mondiali, dalla necessità di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e di combattere contro il cambiamento climatico. I percorsi sono tanti e articolati, ma si possono forse riassumere in quattro dimensioni principali.
La prima è quella delle nuove tecnologie. Il fronte principale è quello delle tecnologie abilitanti, dalla genomica all’informatica. Queste si riflettono in un numero crescente di soluzioni, quali quelle messe a disposizione dall’agricoltura di precisione, e in processi di rilancio industriale basati su queste tecnologie, come l’industria 4.0.
Il secondo fronte riguarda lo sviluppo di sistemi di innovazione che ne favoriscano il disegno mirato, secondo un approccio partecipativo basato sul coinvolgimento degli agricoltori, degli attori locali, degli enti e società di ricerca, ecc.
Il terzo fronte riguarda l’internazionalizzazione e le collaborazioni tra regioni europee, oltre che fra Stati, e, soprattutto e in modo crescente, le partnership con i Paesi extraeuropei.
Il quarto è rappresentato dall’attenzione al contesto ambientale e culturale e dalla visione dei settori agricolo e alimentare come produttori di servizi ecosistemici e sociali.
Il motore di questi percorsi sono le sfide sociali, finalizzate non tanto al settore in sé, ma all’insieme della società e dell’economia. Da questo punto di vista, il focus va oltre il singolo prodotto, il singolo settore o la singola filiera, per cercare soluzioni articolate sempre più su tutto il sistema che usa risorse biologiche, nell’ottica di una bioeconomia circolare, ma tenendo presente al contempo la sua inclusione in sistemi territoriali che, a loro volta, fanno parte di una rete del valore globale.
L’insieme di tutti questi elementi li ritroviamo all’interno del processo di sviluppo e crescita inserito nel piano strategico S3 “Smart Specialisation”, definito “Strategia di Specializzazione Intelligente”  attraverso obiettivi generali e specifici dei  Programmi Operativo FESR 2014-2020”.
Il settore agricolo presenta un ecosistema di piccole e medie imprese agroindustriali e agroalimentari che necessitano di maggiori meccanismi collaborativi di scambio di conoscenze e di crescita nei rapporti. L’ecosistema territoriale  ha una miriade di micro e piccole aziende, comprese unità imprenditoriali di media grandezza, che viaggiano sui binari di ricerca e innovazione di prodotto. Ma le unità, di qualsiasi dimensione, viaggiano separatamente dalle altre, non intrattenendo rapporti stretti di collaborazione. Manca quindi una rete sinergica che è fondamentale per la crescita esponenziale, importanza sottolineata anche dalla strategia  intelligente.
In tal senso, le priorità strategiche inserite nella strategia S3 sono determinanti per costituire quel flusso di settori-filiere indispensabile per gli indirizzi di crescita e sviluppo.
Le aziende hanno necessità di essere inserite in un ambito più elevato, sia questo regionale o nazionale, pertanto abbisognano di un salto qualitativo possibile solamente attraverso un riorientamento dei sistemi organizzativi verso nuove sfide e scenari di mercato che implicano la presenza di figure professionali strategiche, come quella prevista dal Master “Agribusiness Management”.
Agricoltura e business si concretizzano sempre di più in un connubio indispensabile  e il settore agricolo diviene uno degli ambiti più strategici. In un settore così peculiare, l’imprenditore agricolo deve quindi saper rispondere alle esigenze dei nuovi mercati e soprattutto delle nuove tecnologie acquisendo pertanto nuove competenze per innovare e affrontare il cambiamento con l’obiettivo di creare un business competitivo e redditizio.

  • OBIETTIVI
    L’obiettivo del Master avrà un effetto domino sia sul fronte della formazione superiore, che delle imprese insediate nel tessuto economico-sociale del territorio. Le prospettive, indicate all’interno delle Strategie di sviluppo per ricerca e innovazione, sono centrate sull’azione di crescita futura, asse di un incremento intelligente e mirato, fondato sulla gestione di risorse che possano valorizzare le competenze di singoli e aziende. La gestione efficace ed efficiente dell’organizzazione aziendale e dei suoi processi produttivi è fondamentale in un momento di estrema attenzione ai costi, come quella odierna: migliorare ed efficientare i processi di gestione richiede apertura allinnovazione, grande flessibilità e conoscenza e utilizzo dei vantaggi derivanti dagli strumenti messi a disposizione dalle nuove tecnologie.
    La gestione efficace ed efficiente dell’organizzazione aziendale e dei suoi processi produttivi è fondamentale in un momento di estrema attenzione ai costi, come quella odierna: migliorare i processi di gestione richiede apertura all’innovazione, grande flessibilità e conoscenza e utilizzo dei vantaggi derivanti dagli strumenti messi a disposizione dalle nuove tecnologie.
    Il Master nasce da una valutazione attenta dei processi di cambiamento che hanno investito ed investiranno nel prossimo futuro il settore dell’Agrifood. La trasformazione che si è verificata non ha riguardato solo le scelte di prodotto/mercato/tecnologie ma ha avuto riflessi anche nell’ambito dell’organizzazione delle imprese e soprattutto nelle piccole creando la necessità di nuovi profili professionali.

DESTINATARI
Il Master è rivolto ai giovani laureati che provengono da percorsi di laurea in ambito sia scientifico che economico. Si rivolge pertanto sia a colore che hanno terminato il proprio percorso di studi nelle aree disciplinari dell’economia, dell’ingegneria gestionale, delle scienze della comunicazione, sia a coloro che si sono laureati in ambito scientifico, in particolare nelle aree delle scienze degli alimenti, scienze agrarie, della chimica, dell’ingegneria meccanica (impiantistica degli alimenti).

DURATA E FREQUENZA
Il percorso ha una durata di ore 900 articolate in :

400 ore di aula,
140 ore di Project Work
360 ore di stage in azienda.

La frequenza minima al percorso è pari all’80% del monte ore complessivo.

NUMERO ALLIEVI : Massimo 30 allievi
PRESENTAZIONE DOMANDE DI AMMISSIONE:
SELEZIONE: Superati i 30 allievi

SELEZIONE
Il Master è a numero chiuso e prevede un processo di selezione proiettato a valutare le competenze tecniche acquisite durante gli studi, le attitudini individuali e la motivazione dei candidati.
Verrà istituita una Commissione, composta da esperti individuati dai partner di progetto che definiranno i dettagli della selezione che prevede lo screening dei requisiti preferenziali, test attitudinali e colloqui.

La selezione si  articolerà in tre fasi.

TEST QUESTIONARIO TECNICO (max 30 punti)
È test finalizzato ad approfondire le conoscenze possedute dai candidati in coerenza con la figura professionale oggetto della formazione. Sarà un test a risposte chiuse. Ad ogni quesito risolto verrà assegnato un punto fino alla soglia massima di 30 punti. I risultati vengono prima decodificati sul foglio di calcolo e in seguito interpretati e valutati sul foglio del profilo individuale;

STRUMENTI D’INDAGINE DELLA PERSONALITA’ (max 30 punti)
Si tratta di strumenti che tendono a verificare caratteristiche e/o aspetti della personalità per individuare tratti personologici che possono agevolare o ostacolare il buon esito del percorso;

COLLOQUIO (max 40 pt)
Sarà svolto a livello individuale e sarà a completamento degli altri strumenti utilizzati e avrà lo scopo di verificare la motivazione e dei candidati rispetto alle aree di approfondimento ed anche all’impegno in termini di tempo e di applicazione alla frequenza. Il colloquio svolge anche una funzione informativa; consente cioè uno scambio di informazioni tra l’ente di formazione e il candidato affinché per entrambi si raggiunga la soluzione migliore.

Al termine della selezione verrà strutturata una graduatoria che permetterà di comporre il gruppo aula.

I MODULI DI STUDIO

Modulo1. Strategie comunicative e negoziali interne ed esterne all’azienda
La relazione fra convinzioni, atteggiamenti e comunicazione
La comunicazione efficace: strumenti e tecniche
Comunicare efficacemente all’interno del proprio gruppo di lavoro e con altri gruppi di lavoro
Diagnosticare e risolvere problemi di gruppo;
Cooperare per produrre un risultato collettivo;
Gestire positivamente i conflitti ed adottare procedure di decisione efficaci;
Valutare la qualità delle prestazioni e azioni collettive e ricercare soluzioni migliorative
Come approcciare e comunicare con il cliente
Gestione delle criticità con clienti esterni

Modulo 2. La gestione  strategica dei processi di innovazione in azienda
Competitività dell’impresa e innovazione tecnologica e di prodotto: strategie di portafoglio, di timing e di posizionamento nel contesto competitivo
La scelta dei progetti di Ricerca e Sviluppo: budget di sviluppo e incrementale
Metodi quantitativi per la scelta dei progetti
Innovazione di processo di prodotto,organizzativa
Gli impatti delle scelte di portafoglio sulle performance aziendali;
R&D in un contesto internazionale: il ruolo delle subsidiary e il fenomeno della “reverse innovation”.

  • Modulo 3. Economia e strategie nei mercati agro-alimentari
  • Economia e struttura del settore agro-alimentare: numeri, attori coinvolti e dimensioni del settore in Italia e all’estero;
    Il peso dell’agroalimentare nell’economia italiana e l’impatto sulla competitività internazionale;
    Regolamentazione della qualità e certificazioni volontarie;
    Le denominazioni di origine protette: aspetti normativi ed economici ;
    Politiche agricole e commerciali europee: ruolo e funzioni delle istituzioni ed implicazioni per le filiere;
    Aspetti economici delle politiche di food safety;
    Mercati finanziari delle commodities agricole;
    La sostenibilità delle filiere agroalimentari.

Modulo 4. Evoluzione dei modelli di comportamento della domanda
I nuovi trend del consumo e le nuove direzioni delle ricerche di mercato
La scelta di consumo: razionalità, emozioni e relazioni
Protagonismo del consumatore, ranking e co-produzione del valore
Come cambiano i sentimenti dei consumatori e come si analizzano?

Modulo 5. Marketing strategico nei mercati del LCC alimentare
Concorrenza nel settore e vantaggio competitivo
Le risorse e le competenze distintive
La gestione strategica
La pianificazione strategica
Segmentazione e target

Modulo 6. Strategie di Branding
Il valore della marca: awareness, fedeltà ed astrazione della relazione
I processi e i driver dello sviluppo
Le strategie e gli strumenti di sviluppo della brand identity

Modulo 7. Politiche d’internazionalizzazione dei prodotti agroalimentari
I fattori di globalizzazione dei settori e dei mercati
La selezione dei Paesi e la valutazione dell’attrattività dei mercati esteri
La teoria di presenza e le alleanze nei mercati internazionali
I sistemi di certificazione nazionale ed internazionale

Modulo 8. Sistemi di determinazione dei costi
La classificazione dei costi
Il margine di contribuzione
Relazione Costi-Volumi- Profitto
Determinazione dei costi per commessa
Determinazione dei costi per processo
La determinazione dei costi basata sulle attività

Modulo 9. Pianificazione e sviluppo del budget
Il sistema di misurazione dei costi a valori preventivi
Pianificazione strategica e budget
Il controllo economico e il ruolo del budget

Modulo 10. L’analisi delle  performance
L’analisi delle varianze
Il reporting
La Balanced Scorecard

Modulo 11. Sicurezza Alimentare e sistemi di certificazione nazionali ed internazionali
La certificazione di gestione della sicurezza
Le certificazioni di gestione della qualità
Analisi quantitativa del rischio e modelli predittivi
L’etichettatura degli alimenti: esempi di applicazioni della legislazione
Claims e legislazione europea ed internazionale

Modulo 12. I sistemi di produzione nell’industria alimentare e processi logistici
Le sfide per le “operations”
La programmazione della produzione
La misurazione delle performance
Il Supply Chain Management
La gestione dei flussi fisici ed informatici
La dimensione dei costi della logistica

Modulo 13. Packaging nel settore agroalimentare
Principi e metodi del calcolo della shelf-life dei prodotti confezionati
Imballaggi metallici
Imballaggi in vetro
Imballaggi in polimeri plastici
Caratteristiche dei materiali, tecnologia di costruzione
Tecnologie di riempimento e chiusura
Interazione con gli alimenti durante il processo distributivo
Aspetti legali ed economici

Modulo 14. Politiche di Trade Marketing
Analisi dello scenario distributivo e strategie di sviluppo
L’articolazione dei canali e delle variabili di servizio
Il marketing distributivo e la gestione delle leve
Il branding distributivo

METODOLOGIA DIDATTICA
La metodologia didattica è progettata con l’intento di accordare aspetti di natura teorica con la gestione pratica dei processi presso le imprese e si concretizza con la realizzazione di project work, discussioni di casi, esercitazioni, lavori di gruppo, business game e role playing. Inoltre sono previste iniziative finalizzate ad accrescere e consolidare quelle che sono le competenze individuali attraverso i laboratori manageriali, il coaching di gruppo e l’outdoor training.

La fase pratica prevede i seguenti moduli:

Modulo 15. Lo Stage
Lo stage è parte inerente del percorso formativo e garantisce la realizzazione di 360 h di stage, pari al 40% del monte ore totale, per cui una parte consistente delle ore di formazione previste saranno dedicate al “training on the job” presso aziende, associazioni e società di consulenza che operano nel settore agroalimentare. Questa metodologia è progettata allo scopo di mettere in pratica le conoscenze acquisite e rappresenta un’importante opportunità di ingresso nel mondo del lavoro.
Il progetto di stage sarà coordinato durante tutto il suo svolgimento dai docenti di riferimento con il supporto della figura del tutor/coordinatore. Il progetto di stage sarà definito tenendo presente sia delle caratteristiche e delle aspirazioni dei singoli, ma anche delle necessità e degli aspetti logistici delle aziende. Il corsista sarà guidato e supportato in modo tale da riuscire ad affrontare e superare le eventuali difficoltà rispetto al proprio comportamento organizzativo e relazionale e i limiti rispetto alla propria preparazione tecnica. Inoltre, durante e al termine dello stage, saranno previsti momenti di rielaborazione dell’attività svolta e verranno predisposte le attività di verifica.

Modulo 16-  Project Work e prova finale
Il Project Work  spesso si colloca alla fine di un processo formativo, ha una durata  di 150 ore  e rappresenta una sperimentazione attiva riferita ai contenuti appresi durante il percorso didattico.  In questa fase, infatti,  i partecipanti dovranno scegliere un argomento oggetto del corso, approfondirlo e redigere una tesina che sarà presentata e discussa durante la prova finale.

CERTIFICAZIONI
Ai partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni, sarà rilasciato un Attestato di frequenza/partecipazione che attesta la specializzazione al  Master in “Agribusiness Management”. Inoltre, saranno rilasciate una certificazione Eipass e una certificazione linguistica.

I NOSTRI DOCENTI
Gli interventi di docenza saranno condotti da professionisti, da consulenti specializzati e da docenti universitari.

ACCREDITAMENTI
IFOR, Ente accreditato dalla Regione Basilicata con D.G.R. n. 2587/2002; D.G.R. N. 574/2010 e D.D. n. 1241/2010, per la formazione, Formazione continua e Formazione superiore; L’IFOR è accreditato ai sensi Direttiva n. 90/2003 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per formazione del personale della scuola. L’IFOR ha conseguito le certificazioni di qualità ISO 9001:2008 e UNI ISO 29990:2011 per l’erogazione dei corsi di formazione, rilasciate da un’ Organismo di Certificazione Internazionale accreditato UKAS e ACS Registrars.

SCARICA LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo Cognome (richiesto)

Indirizzo (richiesto)

Città (richiesto)

La tua email (richiesto)

Curriculum(richiesto)

INFORMAZIONE E CONTATTI
Rivolgersi alla Segreteria Master dell’Ifor: 0835/335782 – Cell. 347-3964716 o inviando una e-mail all’indirizzo iformt@gmail.com o recandosi presso la sede in Via Dante 82/G – Matera – dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 18.30.

aprile 11, 2018